Co-infezione del linfogranuloma Venereum e Haemophilus Parainfluenzae durante un episodio di proctite | Gastroenterología y Hepatología (Edizione inglese)

La malattia antorectuale è una scoperta comune negli uomini che fanno sesso con gli uomini (MSM). Le cause più comuni tendono ad essere infezioni relative all’HIV o non legate all’HIV. Queste cause includono lesioni causate da Herpes Simplex Virus, Treponema Pallidum, Neisseria Gonorrhoeae (N. Gonorrhoeae), Chlamydia Trachomatis (C. Trachomatis), Shigella SPP. e infezioni protozoi. Invasivo C. TRACHOMATIS GENOTIPES (L1-L3) Causa il linfogranuloma Venereum (LGV), che era considerato una ricerca rara nei paesi sviluppati.1 Tuttavia, dal 2003, numerosi casi sono stati riportati in Europa e negli Stati Uniti, principalmente tra MSM , con le principali infezioni manifestate tra cui Proctite2 associata alla circolazione della variante L2B. La diagnosi è migliorata grazie all’uso di tecniche molecolari su campioni diretti e genotipizzazione di Genovars che producono LGV. Il trattamento per LGV non è completamente standardizzato poiché la doxycycline o l’azitromicina può essere utilizzata con dosi variabili e durata della terapia. Questo documento esamina una causa non comune di proctite dovuta alla co-infezione da parte di C. Trachomatis e Haemophilus parainfluenzezae (H. parainfluenzae).

Il paziente è un maschio di 34 anni che ha sesso non protetto con altri uomini. Il paziente ha una storia di epatite acuta B dal 2013 e ora ha raggiunto la seroconversion (Hbsag negative, hbsb positive) con la sifilide secondaria. Non è infetto da HIV. È un utente regolare di cocaina, nitrati, velocità e derivati acido lisergico. Ha un gatto, un BOA Constrictor e 12 ratti, che non ottengono check-up di salute veterinari. Il paziente ha partecipato al dipartimento di emergenza dopo aver sofferto di grave proctalgia per 2 giorni, accompagnata da stitichezza, episodio self-limited del sanguinamento rettale e febbre di 38 ° C senza apparente fonte. Una settimana fa, estrasse manualmente sgabello dal suo retto (auto-loppamenti). Un’ulcera rettale non specifica con bordi rialzati è stato osservato sulla colonscopia con depressione centrale e base fibrinata (Fig. 1). Le biopsie sono state prese per esame. Il paziente era la reazione a catena polimerasi (PCR) positiva per i genotipi legati alla LGV in test di laboratorio. La successiva PCR specifica specifica in base a 3 AA (9 PB) cancellazione tra le posizioni L2 L2 591-592 e il sequenziamento del gene PMPH ha determinato che il ceppo appartiene al genotipo di L2 Invasive3 come ha mostrato la specifica mutazione P159L. La crescita di H. Parainfluenzae è stata osservata nei media di coltura. Un e-test è stato eseguito per testare la suscettibilità antimicrobica; Era suscettibile di trimetoprim / sulfametossazolo (microfono: 0,19 mg / l), ampicillina (microfono: 0,38 mg / l), amossicillina-acido clavulano (microfono: 0,38 mg / l), cefixime (microfono:

mg / l ), Levofloxacina (MIC: 0,064mg / L), Tetracycline (MIC: 0,047 mg / L) e Azitromicina (microfono: 3 mg / l). Infine, la doxycycline 100mg / 12h è stata prescritta per 21 giorni. Il paziente è stato asintomatico da allora.

Immagine endoscopica della lesione nel retto.
Figura 1.

Immagine endoscopica della lesione nel retto.

(0,11mb).

Nessun caso precedente di ulcera rettale con la presenza di H. parainfluenzae, da solo o con altri microrganismi, è stato descritto fino ad oggi. Trovare il genotipo di H. Parainfluenzae e LGV L2, che è meno prevalente nel nostro ambiente rispetto al genotipo L2B, associato principalmente alla riemergenza di LGV in Europa, rende questo caso notevole, precedentemente inedito, che coincide con quello indicato per LGV in Le carte europee, 4 ma sono diverse da quella rilevate nelle vicinanze aree geografiche.5 I sintomi del paziente possono naturalmente essere dovuti quasi esclusivamente all’infezione da LGV e non all’emophilus, sebbene ciò possa comportarsi come un patogeno opportunistico e sfruttare la lesione epiteliale causata dalla lesione epiteliale di lgv.

Attualmente stiamo assistendo ai cambiamenti epidemiologici nell’atiologia delle infezioni e / o infezioni sessualmente trasmesse e / o in intuizioni in siti insolite, che richiederanno un approccio diagnostico più completo, con il requisito per ulteriori test e adattamento di disponibili Procedure diagnostiche alle esigenze cliniche.6-8 In caso di proctite, in particolare in MSM, l’uso dell’anoscopia o della rettiligmaidoscopia con il campionamento dovrebbe essere asino sed, indipendentemente dal fatto che ci sia una lesione o no. Tuttavia, non esistono attualmente studi di efficacia dei costi paralleli che mostrano se tale uso è redditizio nel nostro sistema sanitario. Deve essere ricordato che non ci sono lesioni patognomiche per questo tipo di malattia, e le lesioni possono a volte essere confuse con quelle secondarie alla malattia intestinale infiammatoria. Cultura microbiologica dei batteri fissiosi, dosaggio PCR per il rilevamento di Herpes Simplex Virus, N. Gonorrhoeae e C. Trachomatis, e la loro srotity, quando possibile, sono considerati test essenziali.

c.Infezione da trachomatis, e in particolare l’insorgenza di LGV nei paesi sviluppati, ha dimostrato di essere collegati all’infezione da HIV (fino al 70% dei casi) in MSM con più partner, ma nessun collegamento è stato mostrato con il livello di immunosoppressione. Nel nostro caso, il paziente non è stato infettato da HIV. Altri fattori di rischio indipendenti includono una storia di malattie sessualmente trasmissibili, rapporti anali non protetti, viaggi all’estero e incontri con partner sessuali trovati via Internet.9,10

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *