Collector Brain Garbage

Ogni volta che respiriamo, parliamo e pensiamo e pensiamo che i nutrienti e l’energia siano consumati.
Prodotto di questo metabolismo Geniamo detriti di rifiuti che devono essere eliminati per continuare con il funzionamento di Il nostro organismo e ancora raggiungono l’omeostasi o l’equilibrio interno.

Come funziona nel nostro corpo?

La maggior parte dei tessuti ha un sistema molto efficace per eseguire questo compito di rimozione dei rifiuti chiamati linfatici. Questo sistema è costituito da Linfa, che è un liquido che bagna le cellule e rimuove le particelle e li trasporta al flusso sanguigno.

Nel cervello funziona allo stesso modo?

il cervello Non ha quel sistema di pulizia. Si ritiene che questa funzione sia stata effettuata esclusivamente dalle cellule da un meccanismo chiamato Autofagia dove sono distrutti Detrit. Tuttavia, secondo le recenti scoperte, c’è un meccanismo complementare chiamato glinofoto tramite. Questo percorso è il flusso del fluido cerebrospinale, che ha origine nelle cavità ventricolari del cervello, che raggiunge lo spazio interstiziale in cui si trovano i neuroni e con la convezione un dedito verso lo spazio venoso.

da ciò che è importante questa funzione nel cervello?

Poiché questo meccanismo consente di eliminare molecole tossiche, come quelle che si accumulano in malattie neurodegenerative come la malattia di Alzheimer, la malattia di Parkinson e altri.

Come possiamo promuovere la tua attività ?

Il funzionamento del percorso glinofofatico aumenta considerevolmente durante il riposo notturno e diminuisce durante la veglia, seguendo un modello circadiano.

“L’alterazione del sonno dovuta alla mancanza di ore di riposo o per alterazione del ritmo naturale circadiano causerebbe un aumento del rischio di sofferenza da questo tipo di malattie neurodegenerative a causa della mancanza di chiarimento di sostanze tossiche.

Conclusione

è Il meccanismo di eliminazione delle sostanze deleterie del cervello sarebbe favorito non solo da una quantità adeguata e qualità delle ore di sonno, ma anche sdraiati e in aumento a un’ora adeguata dopo il ritmo dell’orologio biologico. Con queste informazioni aggiungiamo un altro motivo per rispettare il nostro riposo notturno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *