Donne con scienza (Italiano)

gabrielle émilie le tonnelier da Breteuil.

gabrielle émilie de bretuil, Marquesa de Châtelet è stata una signora francese che ha tradotto la Principia de Newton e ha rivelato i concetti di calcolo differenziale e integrale nelle sue istituzioni di fisica della fisica, lavoro in tre volumi pubblicati nel 1740.

Era una signora di alta aristocrazia e potrebbe facilmente aver vissuto una vita immersa nei piaceri superficiali, e tuttavia è stato un partecipante attivo in eventi scientifici che rendono il suo tempo, il secolo di luci, un periodo eccitante. Nelle loro aule, oltre a discutere teatro, letteratura, musica, filosofia … è stato sottolineato gli ultimi eventi scientifici. Mne. Dal Châtelet, quando si traduce e analizzando il lavoro di Newton, diffondendo le sue idee dall’Inghilterra all’Europa continentale. Il determinismo scientifico di Newton è rimasto come un’idea filosofica fino alla metà del diciannovesimo secolo.

La sua vita

il 17 dicembre 1706 Madame de Châtelet è nata, a Saint-Jean-en-Greve , in Francia, durante il regno di Louis XIV, e gli diede il nome di Gabrielle-Émilie Le Tonnelier de Bretuil.

Los Breteuil era già importante nel XV secolo e fece fortuna nella magistratura e nelle finanze. Suo padre, Louis-Nicolas Le Tonnelier de Breteuil, Baron de Preuilly, a quarantanove ha sposato Gabrielle Anne da Frogay. Il re gli concesse quindi la posizione di introduttore di ambasciatori in cui brillava per la sua intuizione e il suo senso di diplomazia.

émilie Dalla sua infanzia più tenera ha avuto il desiderio di conoscere e fare ogni sforzo per ottenerlo. Ero curioso di tutto, e tutto voleva capirlo. Era circondato da un ambiente eccezionale e ha ricevuto un’educazione atipica per il suo tempo. I suoi genitori hanno avuto un grande rispetto per la conoscenza e circondò i suoi figli da un’atmosfera che avremmo chiamato oggi intellettuale. Ha dimostrato di avere una capacità insolita e un’intelligenza privilegiata. A dieci anni avevo già letto Cicerone e ha studiato matematica e metafisica; I Dodici parlavano i testi inglese, italiano, spagnolo e tedesco e tradotto in latino e greco come quelli di Aristotele e Virgilio.

Emilie du Châtelet.

ha studiato descartes, comprendendo le relazioni tra metafisica e scienza, per questo ha mantenuto la domanda per tutta la sua vita di A Pensiero chiaro e metodico, dominato dalla ragione. Questo, probabilmente, lo ha portato ad adottare posture più avanzate di quelle dei suoi amici newtoniani. Emilie era un intellettuale cartesiano puro. Come modo di pensare, conoscevo solo la deduzione. L’induzione non ti ha soddisfatto.

A diciannove anni, il 20 giugno 1725, pochi mesi prima del matrimonio di Louis XV con María Leszczinska, sposato Florent Claude, il marchese di Châtelet-Lamon, un membro di una vecchia famiglia di Lorena, che aveva poi trent’anni. Aveva tre figli che vivevano due, una figlia, Françoise Gabrielle Pauline, e un figlio, Florent Louis Marie, che è nato un anno dopo.

Dopo la nascita del suo terzo figlio, quando Emilie aveva 27 anni Vecchio ha frequentato di nuovo la corte. Emilie amava sempre la vita nel taglio sontuoso di Versailles, godendo le vacanze, l’opera e le performance teatrali.

A causa della sua posizione émilie poteva ottenere i servizi, come insegnanti, di alcuni buoni matematici come Pierre Louis Moreau di Maupertuis (1698-1759), che successivamente ha raggiunto la fama per la sua spedizione al Polo Nord per fare misure della Terra e dimostrare che non era allungata come difendere i seguaci DeraSe, ma è stato lusingato dai polacchi, come Newton aveva ipotetico. Quando Maupertuis è andato alla spedizione, MME. di Châtelet, consigliato da lui, ha ricevuto lezioni da Claiout, che ha chiamato “il suo insegnante in geometria e il suo iniziatore in astronomia”, poiché era così influenza come Maupertuis nel pensiero di Emilie, dal momento che Claniiraut era molto dotato di insegnante. Emilie Aveva un altro professore, Koenig, uno studente di Leibniziano Wolff, che nel 1739 andò a casa sua per dare le sue lezioni di geometria.

Il 6 maggio 1734 Voltaire si è allontanato da Parigi, per fuggire dalla giustizia. Lei si rifugiava in argilla di Cirey-Blaise, di proprietà del Marchese de Châtelet, vicino al confine di Lorena, situato in una regione montuosa, a quattro campionati della città più vicina. Émilie ha deciso di andare a vivere con Voltaire nel 1735. Formati con una coppia indissolubile , Uniti da sentimenti e interessi comuni, che gli hanno dato una stabilità affettiva e il rispetto di un uomo ammirato. In lui trovò il compagno di discussioni, il filosofo, l’uomo dello Spirito di cui aveva bisogno.La relazione tra loro è durata per il resto della sua vita. A Cirey hanno lavorato e ha studiato essere il loro centro di intelligente degli intellettuali in tutta Europa che stavano andando lì per imparare con questa donna eccezionale. Nella sua ampia corrispondenza puoi leggere lettere dei grandi matematici del tempo, come Johann Bernoulli, così come Maupertuis e Clairaut. Hanno formato una libreria di oltre diecimila volumi, maggiori di quelli della maggior parte delle università.

Nel 1748 era incinta. Sua figlia è nata il 2 settembre 1749, quando era seduta nel suo ufficio e scriveva della teoria di Newton. Tutto sembrava stare bene, ma otto giorni dopo morì improvvisamente.

Il suo lavoro

Emilie aveva letto, studiato e ha notato le opere degli scienziati del suo tempo. Ho letto in latino, inglese, francese … e ho chiesto il suo libreria le novità dell’Inghilterra e dell’Olanda. Il periodo compreso tra il 1737 e il 1739 era di accumulo di conoscenza. Ha studiato le pubblicazioni degli accademici per essere in grado di valutare, e si rese conto che erano pieni di pregiudizi.

nel 1737 La Science Academy ha annunciato un concorso Per il miglior saggio scientifico sulla natura del fuoco e la sua propagazione. Sia, Émilie e Voltaire, cominciarono a lavorare e fare esperimenti multipli, mettere le temperature di ferro rosso, raffreddato, misurate e pesate. Voltaire stava preparando un saggio per presentarlo al concorso. Ma alle conclusioni arrivarono erano diversi, quindi, un mese prima della fine del tempo per il concorso Emilie decise di partecipare anche in modo indipendente, lavorando in segreto, e senza essere in grado di fare così difficilmente esperimenti. Conoscevo solo il marchese del châtelet. Il fallimento della giuria non era per neanche, ma ha vinto Leonhard Euler. Come premio di consolazione, hanno ottenuto la possibilità di pubblicare il loro lavoro.

Questa memoria in fiamme (dissertazione meridionale della natura et propagazione del feu, 1744) consisteva in centoquaranta pagine, dove mostrava i suoi studi sui fisici precedenti. Ha usato la sua conoscenza del Leibniz in esso, in particolare la distinzione tra fenomeni e proprietà inseparabili della sostanza. Esaminò le caratteristiche proprietà del fuoco: tenero all’alto, antagonismo di pesantezza, ugualmente distribuito ovunque, incapace di riposo assoluto … decise che era un essere speciale, nessun spirito, non importa, ma non poteva spiegare l’origine del fuoco . Nella seconda parte trattava le leggi della propagazione del fuoco per ciò che tenne conto dei principi Leibniziali delle forze viventi. In questo lavoro c’erano due idee profonde, ottenute solo dalla riflessione, senza esperimenti: era giusto quando attribuiva alla luce e al calore una causa comune e che i raggi di colori diversi non forniscono lo stesso grado di calore. Era la sua prima pubblicazione, il primo passo al riconoscimento pubblico del suo valore. Si afferma che il suo lavoro è stato avanzato per il suo tempo.

ha scritto le istituzioni della fisica, lavorare in tre volumi pubblicati nel 1740 che contiene uno dei capitoli Più interessante sul calcolo infinitesimale, e che è stato scritto in modo che suo figlio potesse capire la fisica. Non c’era nessun libro in fisica francese che potrebbe servire a istruire i giovani e lo considerava una disciplina indispensabile per capire il mondo. Nel prologo, rivolgendosi a suo figlio, ha commentato le ragioni che lo aveva portato a scrivere il libro, e dove ha mostrato la sua passione per la conoscenza e lo studio, che ha cercato di trasmettere a suo figlio, mentre criticava l’ignoranza, così comune tra la gente di intervallo.

È stato un libro fedele alla fisica newtoniana, ma la filosofia puramente scientifica di Newton non ha permesso di convincerlo e ha riscritto i primi capitoli che si avvicinano alla metafisica di Leibniz, spiegandolo con profondità e chiarezza, dal momento che considerava, Con una visione impropria del suo tempo, che questo potrebbe essere coniugato con la fisica newtoniana. La marchesa di Châtelet ha studiato Descartes, poi Leibniz e infine Newton. Convinto di molte delle idee di Descartes, Leibniz e Newton hanno scritto il suo libro cercando di spiegare tutto attraverso il ragionamento cartesiano. L’idea che la scienza dovrebbe essere basata sulla metafisica, stava scartando, ma MME. di Châtelet era contro i turbinii e l’etere dei Carresiani. Ammirava le forze viventi del Leibniz, eppure non ha comunicato con le monade delle sue teorie. Difendeva la teoria della Newton Universal Attraction, eppure non credeva come possa Dio, come orologiaio, aveva di volta in volta per agire nell’universo, dare corda agli orologi. Così sapeva come combinare le teorie dei tre grandi saggi nella cosa principale, eppure era contro tutte le correnti, perché ha sempre trovato qualcosa nelle sue teorie con ciò che non è d’accordo.

Mentre i suoi contemporanei maschi erano tutti a favore di uno di questi saggi e contro gli altri due, è stata la prima a vedere il positivo di ognuno di loro e cercare di costruire una teoria unificata. Ha sostenuto, ha scritto, il Polemice, era negli occhi dell’uragano e, tuttavia, la storia ha avuto la tendenza a dimenticare i suoi contributi.

Ha anche scritto un discorso interessante sulla felicità, in cui lo sentiva La felicità è stata raggiunta con una buona salute, i privilegi di ricchezza e posizione e anche con lo studio, segnalino gli obiettivi e lotta per loro. Scrisse che l’amore per lo studio era più necessario per la felicità delle donne, poiché era una passione che rende la felicità solo da ogni persona “, che dice saggio, dice felice!”.

Nel 1745 ha iniziato Per tradurre la filosofia Naturalis Principia Mathematica de latino al francese, con commenti e integratori ampi e validi che ha facilitato un sacco di comprensione. Durante il 1747 stava correndo i test della traduzione e scrivendo i commenti. Grazie a questo lavoro. Leggi che funziona in Francia per due secoli, che ha reso anticipo della scienza.

L’inizio di Newton era un lavoro difficile, pieno di figure e dimostrazioni geometriche, quindi, a Traducilo, la geometria era necessaria per aver studiato. Newton enunciava le famose leggi della gravitazione universale con ciò che ha dotato un nuovo paradigma alla scienza.

L’inizio consiste in tre libri. Sono scritti in latino, forse così Erano solo a portata di mano con una buona formazione. Nel libro, vengono definite le tre legislazioni fondamentali delle dinamiche, in seguito, seguendo Keplero e Galileo e la forza centrifuga e di massa. Il secondo libro contiene un lavoro interessante sul calcolo differenziale e si occupa del movimento dei fluidi. Nel terzo libro, è dichiarata la legge sulla gravitazione universale.

Quando è diventato incinta, il lavoro lo distraeva dalle sue preoccupazioni. Aveva trasduttivo tre anni e commentando l’inizio di Newton. Questa scrittura era per lei preziosa ed essenziale. La sua futura fama stava per dipendere da lui. Volevo averlo finito prima del parto, e volevo farlo bene. Non ho avuto il tempo di perdere. Quando è morto nel 1749 era finito. La sua traduzione di inizi di Newton è stata finalmente pubblicata nel 1759, con una prefazione gratuita da Voltaire. Questo libro ha continuato a rimproverarsi al presente essere l’unica traduzione in francese del principiante.

Le opere di Newton e Leibniz erano molto difficili da capire per i loro contemporanei, più di una accusata di essere di più misterioso di ESCARING Pertanto, è necessario sottolineare l’importanza di quelle persone, a chi piace Emilie de Bretuil, Marquesa de Châtelet, ha a che fare con lo studio e comprendendoli, di rivelarli tra i loro cofornai. Emilie ha studiato per la prima volta Leibniz, poi ha tradotto gli inizi di Newton dal latino al francese, e nelle sue stanze gli intellettuali del tempo sostenevano sulle opere di questi autori. Nel suo lavoro, le istituzioni della fisica hanno mostrato una volontà di sintesi tra il lavoro di entrambi gli autori. Tieni presente che molti dei grandi contributi sono stati, a volte, più noti attraverso compilation e traduzioni che dalle opere originali degli autori stessi.

Commenta lo scandalo che dovrebbe prendere la Francia tra il 1730 e 1740 Le teorie di Newton per MME. di Châtelet e dei suoi amici. La teoria della gravitazione si opponeva alla teoria dei grandi descarte francesi sagge. Ha coinvolto una visione della natura e una concezione della scienza radicalmente contraria. I Carresiani -Cassini, Mairan, Réaumur – si sono rifiutati di riconoscere che la Terra era appiattita dai pali nonostante i test forniti.

Bibliografia

  • alic, M. (1991) : L’eredità dell’hipatia. Storia delle donne dall’antichità fino alla fine del XIX secolo. Tnire i redattori del XXI secolo. Madrid. pp. 165-175
  • Badinter, E. (1983): Emilie, Emilie Ou L’Ambition Féminine Au XVIIIime Siethcle. Flammarione, Parigi
  • Madame du Châtelet (1996): Discorso sulla felicità. Edizione di I. DESIA MORANT. Femminismi classici. Sedia di Ediciones. Istituto di donne
  • figueiras, l.; Molero, m; Salvador, a.; Zuasti, N. (1998): Genere e Matematica. Sintesi editoriale, Madrid, PP 125-129
  • figueiras, l.; Molero, m; Salvador, a.; Zuasti, N. (1998): il gioco ADA. Matematica in matematica. Progetto del Sud Edition, S. L, Granada, Capitolo 4
  • Matiix, S. (1999): La matematica è un nome di una donna. Rubine editoriale. Madrid
  • Molero, M. e Salvador, A. (2003): MME. di Châtelet, ed. Orto. Madrid
  • savater, f. (1993): il giardino dei dubbi. Editorial Planeta. Barcellona
  • Solsona, N. (1997): Donne scientifiche di tutti i tempi. Taralasa ed. Madrid.pp. 105-110
  • TEE, G. J. (1987): Gabrielle-Emilie Le Tonnelier de Breteuil, Marquise du Châtelet. pp. 21-25 A: donne di matematica. Un libro di fonte biobiblifico. Greenwood Press, Inc., Westport, Conneticut
  • Wade, I. O. (1941): Voltaire e Madame du Châtelet: un saggio sull’attività intellettuali a Cirey. Princeton University Press, Princeton, NJ, Octagon Books, New York, 1967

Informazioni sull’articolo originale

L’articolo Châtelet, Madame de (1706-1749) è stato pubblicato Nel portale divulgamat (storia della matematica, biografie di matematica illustre).

Un disconggamat di gratitudine speciale per consentire la riproduzione nelle donne con scienza.

A proposito degli autori

María Molero Aparicio (Liceo spagnolo di Parigi) e Adela Salvador Alciaide (Università Politecnica di Madrid).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *