Effetti clinici e istopatologici di Titichus Breweri Poison nei criceti Myocardium


Summary

Scorpioni del genere Tityus presenta la più grande distribuzione mondiale, di maggiore clinica, epidemiologica e importanza più pericolosa del continente americano. Le tossine del suo veleno producono gravi violazione di eccitazione e processi di guida dell’impulso nervoso. Dal punto di vista istopatologico, i cambiamenti strutturali sono stati osservati in diversi tessuti di topi, con il veleno di diverse specie venezuelane di tità. Obiettivo: descrivere gli effetti clinici acuti e subacutati e istopatologici dello Scorpione Venom (Buthidae: T. Breweri) al criceto Myocardium. Metodo: studio sperimentale, esplorativo, descrittivo, analitico e correlazione. I criceti di entrambi i sessi del sesso di criceto sono stati utilizzati e il veleno di 26 Scorpioni T. Breweri è stato ottenuto, 6 criceti casuali, iniettandoli veleno intrapertonio (VIP) di Tityus Breweri, 3 sacrificati a 30 minuti e l’altro 3 A. , 3 iniettato con acqua distillata costituiva il gruppo di controllo. Risultati: animali più esposti hanno presentato manifestazioni di tipo colinergico e adrenergico. Le alterazioni istopatologiche acute osservate erano edema interfascicolare e congestione vascolare, infiltrazione linfochistiocioci perivascolare. Quando 12, 24, 48 e 72 ore di esposizione del veleno, i cambiamenti istopatologici non sono stati evidenziati, che presuppone che i processi di riparazione dei tessuti danneggiati siano stati attivati. Conclusione: T. Breweri Poison ha prodotto alterazione istologica acuta e subacuta in tessuto miocardico nei criceti senza evidenza di alterazione nel gruppo di controllo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *