Effetto dei lissofosfolipidi e un integratore enzimatico sulla crescita dei porcellini in transizione

Nei primi giorni post-svendo I porcellini hanno un basso volontario Ingestione, per compensare questo problema, le diete sono solitamente molto energiche con percentuali ad alto grasso. Tuttavia, la capacità del porcellino appena indossabile di digerire il grasso è piuttosto limitato.
In questo lavoro, sono stati studiati i lissofosfolipidi (LFL), che promuovono l’emulsione e la formazione di micelle e facilitano la digestione e l’assorbimento dei grassi e un enzimatico Complesso, enz (xylanase, beta-glucanase, cellulasi, proteasi e amilasi).
I rendimenti di 160 piglet (10 / trattamento) sono stati confrontati che hanno ricevuto diverse combinazione di tre fattori: fonte di cereali (avena riparata vs grano), inclusione di sebo (0 VS 3%) e supplemento (controllo, LFL, Enz e LFL + ENZ). Le diete sono state offerte ad libitum tra lo svezzamento (21 giorni) e 42 giorni.
L’inclusione di Sebo aumentò il consumo di mangimi sebbene ferita la IC (PRINO “‘TAULA

Questi I LFLs consentono di superare i limiti della digeribilità dei grassi nei suinetti svezzati e migliorare la crescita.

rr carter, dj henman 2003. Gestione della produzione di maiali IX p. 170

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *