Liu Shaoqi (Italiano)

(Hunan, 1898 – Pechino, 1969) Politico cinese. Presidente della Repubblica popolare di Cina Tra il 1959 e il 1968, fu una figura fondamentale sull’ascezione del potere del Partito Comunista cinese e del consolidamento del regime MAO, sebbene anche una delle vittime più indicate della rivoluzione culturale effettuata dal leader cinese.

liu shaoqi

Nato in una famiglia contadina, Liu Shaoqi si è unito al Comunista International nel 1920 e ha ricevuto formazione nell’Unione Sovietica , un fatto che ha determinato il suo “party man”, piuttosto che autentico rivoluzionario. Dopo il ritorno in Cina, si è unito al Partito Comunista cinese (1922), contribuendo alla formazione dei suoi dipinti e ascendendo rapidamente grazie alla sua capacità organizzativa: nel 1925 fu nominato presidente della Federazione del lavoro; Nel 1927 entrò nel comitato centrale, e nel 1931 fece lo stesso nel Politburo.

Ha partecipato al leggendario marzo lungo del 1934-35 e durante questo periodo divenne considerato il partner teorico autentico, anche sopra MAO; Pertanto, il suo trattato come un buon comunista (1939) ha raggiunto una straordinaria diffusione. Con la Costituzione della Repubblica popolare nel 1949, Liu divenne una delle figure chiave dell’apparato del partito a causa della sua esperienza e della sua capacità, incarnando per molto tempo la linea moderata e possibilista del regime, che era contrappeso al romanticismo rivoluzionario di Mao e i radicali.

Come membro del comitato centrale, il Politburbur e il Congresso nazionale del popolo, aveva infatti la seconda gamma della festa, e come tale, è stato nominato successore di Mao alla testa del Capo dello Stato, nell’aprile del 1959. Insieme a Deng Xiaoping, Liu Shaoqi ha sviluppato un programma di ripresa economica dopo le devastazioni prodotte dal grande salto in avanti (1958-1961), che implicava lo smantellamento dei comuni e riprendendo le formule economiche miste incoraggiare la produzione.

Questa politica rettifica dei primi anni ’60 ha aiutato a migliorare la situazione del paese, ma lo ha portato ad essere accusato di voler ritornare al capitalismo e subire gli attacchi della fazione radicale durante la rivoluzione culturale, un attacco LED Di Lin Biao, il cosiddetto “Gruppo dei quattro”, con la moglie di Mao davanti, e le guardie rosse.

La persecuzione di Liu Shaoqi è stata una strategia di molestie e demolizione pianificata che è iniziata nell’agosto del 1966, quando ha perso il secondo posto privilegiato sulla scala del partito. Le accuse iniziarono di seguito: Nel gennaio 1967 fu l’obiettivo di una campagna di diffamazione che lo ha attraversato per essere il “cinese Krushchev”; Nell’ottobre del 1968 fu privato di tutte le sue posizioni nel gioco, e infine, in aprile dell’anno successivo, è stato arrestato e imprigionato.

fisico e moralmente indebolito, è morto in prigione e in un completo oblio a causa della polmonite che non ha ricevuto la dovuta attenzione medica. Liu Shaoqi è stato rinnovato postumamente nel 1980, e nel 1998 residente a Jiang Zemin ha elogiato la sua figura in occasione del centenario della sua nascita.

Come citare questo articolo: Ruiza, M., Fernández, T. e Tamaro, E. (2004). . In biografie e vite. L’enciclopedia biografica online. Barcellona, Spagna). Recuperato da lui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *