Loving

delicato film, sobrio, credibile. Dramma umano basato su eventi reali. In condizioni normali, la storia dell’amore, Richard e Mildred, sarebbe una bellissima avventura della vita quotidiana, di interesse soprattutto per i suoi protagonisti, un uomo e una donna che ama teneramente, e costituisce una famiglia. Ma le circostanze cambiano tutto. Richard è bianco; Mildred, nero. Corri l’anno 1958 e deve viaggiare a Washington per sposarsi e eludere le leggi razziali della Virginia.

Jeff Nichols, direttore e sceneggiatore, alternati thrillers e drammi di taglio più realistici con brillantezza; Prendilo rifugio, fango, mezzanotte speciale e amorevole. E dimostra una grande capacità narrativa e la creazione di personaggi memorabili, che affrontano conflitti di entità, insieme a un grande senso estetico – ecco una preziosa fotografia vintage senza colori sorprendenti – e il loro accurato punteggio musicale.

Il film era prestato a Cliché, il tipico film “Goodist” che descrive la lotta titanica di alcuni personaggi in modo che siano riconosciuti i loro diritti. Nichols rischia attraverso la realtà e mostrando la semplicità di Richard e Mildred, che non hanno alcuna sensazione di contribuire per cambiare la storia e lasciare una traccia: persone senza studi, solo brave persone, che vogliono essere felici. È fantastico marito (Joel Edgerton), Parco in parole, non è un genio, ma è un genio, ma è un genio, ma è un genio, ma è un genio, ma è un genio, ma è un genio, ma è un genio, ma è un genio, ma è un genio, ma è un genio , ma è un genio, ma è un genio, ma è un genio, ma è un genio, ma è un genio, ma è un genio, ma è un divertente occupante del tuo. E lei (Ruth Nega), una scoperta: sa come dominare la paura davanti alle molestie del sistema legale, e prendersi cura della sua famiglia.

Naturalmente, il punto di riferimento del percorso è descritto verso il riconoscimento I diritti degli innamorati, con un’idea di fondo interessante: come una regola giuridica può dare una lettera della natura alle più grandi ingiustizie, accettata in un tale abituale come inevitabile: è ciò che c’è. Ma il successo è che non dominano la storia, che è per lo più la storia d’amore di una famiglia, incrociata con dettagli e eventi attuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *