Lufthansa vende 40 aeromobili e chiude una controllata

di AFP

Il Lufthansa tedesco ha annunciato oggi che sarà distaccato da 40 aeromobili e chiuderà la controllata a basso costo Germanwings.
Gli annunci per
“I mesi andranno fino alle restrizioni di viaggio globali e all’anno fino a quando la domanda globale di viaggi aerei ritorna ai livelli prima della crisi”, la società giustificata in una dichiarazione ufficiale. Secondo quanto raccolto dall’agenzia AFP, l’obiettivo finale della decisione è quello di “consentire un massimo di dipendenti colpiti dalla ristrutturazione” per preservare il suo utilizzo “all’interno del gruppo”.

Leggi di più: il Il PIL dell’America Latina sarebbe caduti da -4,6% entro il 2020, afferma il World Bank
Il Gruppo ha deciso di ridurre la sua flotta di 763 unità con la vendita di circa 40 aeromobili, che finirà per influenzare quasi tutte le operazioni del Gruppo. La maggior parte delle riduzioni della flotta si verificherà alla bandiera del Lufthansa e include l’eliminazione di 11 aeromobili Airbus A320, cinque Boeing 747-400 e sette A340-600.
I sindacati tedeschi che rappresentano l’equipaggio della cabina aveva chiesto alle teste di Lufthansa In una lettera aperta lunedì che non “sacrificano” l’unità Germanwings di Colonia, che impiega circa 1400 persone.
Lufthansa ha già annunciato la scorsa settimana che stava sistemando 87.000 lavoratori – più il 60% della riduzione della forza lavoro Piani sostenuti dal governo di Angela Merkel. La maggior parte di loro sono impiegati tedeschi.
circa 700 di Aircraft di Lufthansa sono a terra in questo momento a causa dell’epidemia di Coronavirus, e l’occupazione dei suoi posti è solo il 5% della normale scheda di volo.
L’Executive Direttore, Carsten Spohr, ha avvertito il mese scorso che “più difficile questa crisi, più è probabile che il futuro dell’aviazione senza aiuti di Stato non possa essere garantita”. Secondo l’esecutivo, il piano di volo del Gruppo è stato ridotto a livelli non visti dagli anni ’50.
La visione della società tedesca sul difficile processo di recupero del settore del trasporto aereo dopo la crisi del Coronavirus coincide con la diagnosi di L’Associazione Internazionale del trasporto aereo (IATA), che oggi ha insistito sul fatto che il sostegno dei diversi governi nazionali sarà la chiave.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *