Madhab (Italiano)

madhab (in arabo مذهب plurale مذاهب madāhib) è il termine che le diverse scuole o correnti di interpretazione della giurisprudenza islamica o dei fiqh sono conosciute nell’Islam.

Nei primi 150 anni di vita dell’Islam c’erano molti ‘Madāhib; Infatti, molti dei colleghi Sahaba o Mohammad avevano le loro vie di interpretazione. Allo stato attuale, solo cinque di queste scuole sopravvivono: quattro sono tipiche dell’Islam Sunni, mentre il chiosismo ha un madhab proprio.

Le quattro scuole sunnite sono:

  • il Janafi, fondata da Imam Abu Hanifa, che viveva in Iraq poco dopo la morte di Muhammad. La scuola di Hanafi in qualche modo riunisce precedenti scuole irachene, che sorgono nei primi giorni dell’Islam.
  • Malikí, fondato da Imam Malik, contemporaneo del precedente sebbene più giovane e nativo di Medina. Questa scuola concentra anche le scuole della prima ondata come quelle di Damasco, Kufa, Bassora e Medina. È dominante nel Maghreb, tra gli altri luoghi, ed era anche il dominante ad Al-Andalus.
  • The shafi`1, fondato da Imam Shafi.i, discepolo di Malik e Abu Hanifa.
  • La Hanbalí, fondata da Imam Ahmad Ibn Hanbal, che ha studiato con Shafi`i, quindi ci sono grandi somiglianze tra i due Madhabs.

Il Madhab Chii è già “Farí , Fondata da Imam e`Far AS-SADIQ.

I musulmani sunniti sono divisi, quindi, ai seguaci di una di queste quattro scuole. Di solito, ogni territorio ha una scuola dominante, e ci sono luoghi in cui molti di loro coesistono. A volte è stato descritto come “Settas”, che non è vera da quando i sunniti insieme pianificano che uno dei quattro Madhab può guidare correttamente i musulmani, le differenze tra loro come risultato di diversi ragionamenti, sebbene ugualmente validi dal punto di vista di osservanza religiosa. Esistono, ad esempio, piccole differenze nel modo di pregare, ma non ostacola i seguaci di un Madhab per pregare senza problemi e senza confusione in luoghi in cui è seguito il rito di un altro madhab.

Il contenuto di questo articolo incorpora materiale da un input da Wikipedia, pubblicato con licenza CC-BY-SA 3.0.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *