Mahim (Italiano)


mahimeditar bay

è una grande baia che fa parte del Mar Arabico a Bombay. Durante l’era coloniale, il portoghese costruiva una torre di sorveglianza chiamata Castella de Aguada nell’area settentrionale della baia. Più tardi i britannici costruirono il Fort Worli South e il Fort Mahim vicino al torrente per difendere le sette isole di Bombay contro gli attacchi del portoghese e dei Marathas.

Mahimeditar’s Strawway

Passerella di Mahim Forma il legame tra Swami Vivekanand e LJ Streets, essendo la strada tra la Moschea Bandra e la Chiesa di Mahim. Non dovrebbe essere confuso con il percorso marittimo Bandra-Worli, un importante progetto infrastrutturale inaugurato il 30 giugno 2009 progettato per facilitare il traffico attraverso la strada costruendo un altro ponte sulla baia di Mahim.

Mahimchi Khadieditar

Brook de Mahim.

Il flusso Mahim o Mahimchi Khadi è un flusso di quattro e mezzo profondo. Il fiume Mithi si svuota in questo flusso, che conduce a Mahim Bay. Costituisce il limite tra la città e la periferia. Il flusso ha un gran numero di mangrovie e ha un minisconistama.

Le acque del torrente hanno un cattivo odore dovuto allo scarico degli effluenti industriali non trattati a monte. Negli ultimi anni, la proliferazione di baraccopoli attorno alle acque ha causato preoccupazione per l’ecosistema di mangrovie, vitale per l’ecologia di Bombay.

mahimeditar forte

mahim forte.

Forte di Mahim, che era Una volta visibile dalla passerella di Mahim, è appena visibile oggi. Il forte di Mahim, insieme a Fort San Jorge nel sud Bombay, ha formato un’importante base di difesa durante il periodo dell’impero britannico. Fort Saint George fu costruito nel 1669 dal Bombay Exgobernador Gerald Aiungier.

Nel 1772, 111 anni dopo aver perso Bombay, il portoghese ha cercato di attaccare questo forte. Gli inglesi hanno risposto ferocemente con i proiettili di cannone. La chiesa di Bandra fu praticamente distrutta dopo questi attacchi. C’erano circa cento soldati e circa trenta cannoni nel forte di Mahim in quel momento.

Oggi il forte è quasi in rovina ed è costantemente invaso dai rifugiati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *