Metodo Kaizen: “Oggi meglio di ieri, domani meglio di oggi”

all’inizio di marzo, la vita della vita – in tutto il mondo, cambiata bruscamente. La pandemia di Coronavirus e il confinamento mosse il pavimento di un’umanità che era abituata a una certa normalità. E mentre l’essere umano è un animale abituale, tali cambiamenti improvvisi sono difficili da elaborare. Non per niente, molti esperti hanno parlato della crisi della salute mentale come la prossima pandemia. Questo è stato indicato da Devora Kestel, direttore del Dipartimento di salute mentale e abuso di sostanze dell’OMS, in una recente conferenza stampa, indicando che “la situazione attuale, con isolamento, paura, incertezza e crisi economica, può causare gravi disturbi psicologici psicologici “.

Tutte queste sensazioni hanno la sua origine in una regione del cervello responsabile del controllo della paura e che è attivata quando viviamo un evento inaspettato. “L’Amygdala è una struttura cerebrale che controlla la risposta emotiva. Nella situazione attualmente viviamo, è molto probabile che le persone ritengano che le loro risorse siano lontane dalle richieste che la crisi ha messo, e quindi sentono ansia o paura”, Spiega lo psicologo e l’insegnante dell’UAHC, Nelson Lavanderos. Dice, dalla psicologia una delle proposte per evitare schiacciante nei momenti di crisi è concentrarsi sugli obiettivi a breve termine. Questa è anche l’essenza dell’antica filosofia giapponese, Kaizen . Questa parola che proviene dalle parole kai, il che significa cambiare e zen che significa gentilezza, appello alla sottigliezza delle azioni e dal continuo miglioramento.

Lo psicologo spagnolo, Robert Maurer, nel suo libro Metodo Kaizen , un piccolo passo può cambiare la tua vita, spiega che nel corso della storia ci è stato insegnato che l’esecuzione di qualsiasi cambiamento è un processo difficile, tuttavia, questa filosofia giapponese propone che le piccole azioni possano N Raggiungere obiettivi importanti. Il Kaizen mira a migliorare costantemente anche se, essere minimamente, in tutti gli aspetti della vita. “Un viaggio di mille miglia inizia con un piccolo passo,” è una delle affermazioni che lo sostengono.

Per il bucato, questa visione ha molto senso dal punto di vista psicologico. “Proponi di obiettivi intermedi alleviati La sensazione di non essere in grado di soddisfare le aspettative superiori e d’altra parte offre rafforzamenti e soddisfazioni che rafforzano i miei scopi futuri “. Spiega che è come gestire una gara di 20 chilometri per la prima volta. L’obiettivo sembra così distante, e se non ci sono incentivi intermedi non riesco a sapere come vado o come sto adempiendo che l’aspettativa finale. Pertanto, le stazioni a volte mettono insieme a 3 chilometri, poi a 6 e così. “Impostare obiettivi intermedi ragionevoli e realizzabili favori che soddisfano lo scopo finale”, aggiunge.

Secondo l’esperto, in questo periodo è tutto più irraggiungibile e complesso, un buon percorso è quello di impostare piccoli obiettivi che siano così minimo che il nostro cervello non li vede come irraggiungibile, è un percorso lento, ma è un modo costante che non solo ci rende solo navigando nella novità più tranquilla, ma a lungo termine ci mostra che abbiamo davvero raggiunto un cambiamento.

“Questo non dovrebbe essere implementato solo su argomenti pertinenti come il nostro futuro professionale o emotivo, anche il giorno in giorno. Molti esperti hanno raccomandato di fare routine di allenamento o, ad esempio, fare artigianato per abbattere lo stress. Ma se non hai mai fatto esercizi e mettiti davanti a una routine forte e faticosa, difficilmente sarai in grado di soddisfare, e che può generare più stress. È meglio partire con 5 minuti di esercizio fisico, tessuto o qualsiasi altra cosa, ma andare a progredire a poco a poco fino a raggiungere obiettivi più grandi “, spiega. “Ci sono prove che dimostrano che il modo di affrontare le sfide ha un impatto sulla salute mentale e la regolazione neurobiologica del corpo.”

Ecco perché l’invito della filosofia di Kaizen non è temere il cambiamento, ma Quello per vederlo, anche nel mezzo di una pandemia, come qualcosa di positivo. “Oggi meglio di ieri, domani meglio di oggi,” dicono. E sono convinti che il miglioramento continuo si ottiene attraverso tutte le azioni quotidiane, per quanto i piccoli sono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *