Negatività MissMatch (MMN) e schizofrenia: una recensione | Atti esp Psiquiatr; 39 (6): 363-373, nov.-dec. 2011. Ilus |. IBECS

Riepilogo

Il componente negativi di Mismatch (MMN) è un potenziale relativo agli eventi uditivi (pre), generata dalla risposta automatica cerebrale a qualsiasi variazione del uditorio di stimolazione che supera un limite corrispondente alla soglia di discriminazione. Grande ampiezza di MNG è stata ampiamente riportata e costantemente riportata nei pazienti con schizofrenia recente e cronica, quindi ha proposto che questa componente sia correlata alle modifiche nella memoria sensoriale e nelle funzionalità di integrazione dello stimolo, che sembrano progredire lungo il malattia. Le nuove linee di ricerca sono state recentemente aperte, e gli studi sono stati effettuati con parenti di pazienti con schizofrenia per valutare l’efficacia di MMN come endopenotipo. Allo stesso modo, sono stati effettuati studi MMN in prodromos o soggetti a rischio clinico di sviluppare la schizofrenia, al fine di sapere se ci sono alterazioni nell’elaborazione del cervello prima dell’inizio della malattia. I risultati di questi lavori hanno prodotto risultati promettenti, che suggeriscono la presenza di sottili alterazioni nel trattamento degli stimoli dell’udito in questa popolazione, che sembra aumentare con l’aspetto della malattia. Ecco come il componente MMN può essere uno strumento elettrofisiologico efficace per fornire informazioni sull’elaborazione automatica uditiva relativa alla schizofrenia e alla loro cronicità, nonché per indicare la vulnerabilità genetica e il rischio clinico per svilupparlo. Tuttavia, è necessario effettuare studi futuri comparabili e replicabili che consentono di confermare tali scoperte (AU)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *