Otto aspetti fondamentali da tenere in considerazione nel design curriculare

uno. Didattica e diversità metodologica

si riferisce alla concezione e alla pratica della didattica attraverso la diversità dei metodi e delle strategie nel contesto dell’interdisciplinarietà e della flessorizzazione curriculare che l’insegnante e gli studenti possono applicare nei diversi scenari di apprendimento Da questo, anche i genitori e le madri della famiglia sono coinvolti in modo che ci sia una famiglia di scuola logica di coerenza.

due. Valutazione

è concepita come processo permanente, integrale, sistematico e graduale, focalizzato sullo studente nella relazione intima con gli atteggiamenti e il compito dell’insegnante in una prospettiva olistica. I cambiamenti qualitativi che si verificano sia nello studente che nelle altre proprietà partecipanti e in tutta l’istituzione aiuteranno la legittimazione del curriculum dialogico, sistemico e interdisciplinare. Il monitoraggio del processo sarà effettuato attraverso l’uso di matrici speciali derivate dal lavoro partecipativo e democratico. Concepito in questo modo, la valutazione implica persistentemente osservando, comprendendo, analizzando, facendo un senso dei processi di formazione attraverso il quale lo studente attraversa: cosa è stato raggiunto? Perché e perché hai imparato? E come è stato proiettato per la trasformazione individuale e sociale? Pertanto, l’atto di valutare diventa una riflessione collettiva e individualizzata permanente in cui sono presenti molteplici cause, fattori, circostanze, condizioni e la loro relazione con quanto previsto dal comportamento dello studente in termini di prestazioni, prestazioni, impegno, responsabilità, produttività, atteggiamenti, valori e proiezione sociale. Lo scopo non è quello di disattivare i ranghi esclusivi dei ritorni cognitivi, poiché ciò sarebbe contrario a un progetto che cerca la trasscendenza delle relazioni tra le categorie interne ed esterne di un determinato argomento. Pertanto, l’applicazione della triangolazione è valida qui per ottenere un approccio integrale e dialogico della valutazione nei suoi significati vari: (autovalutazione, coavalutazione, eteroevaluazioni, diagnostica, formativa e sommativa).

+ Leggi: Il design curriculare da un approccio di competenze

tre. Ricerca come asse trasversale nei contenuti della formazione

fino a poco tempo fa, la ricerca che è stata effettuata nei cloiste accademici è stata esclusiva per le università e i centri specializzati. A tal fine, oggi, dalle esigenze della globalizzazione della conoscenza, è stata promossa come un’attività intrinseca all’essere umano in diversi spazi sociali, compresa la sfera generale della scuola. Per questo motivo, il curriculum dialogico, sistemico e interdisciplinare, demystifica l’indagine concependola come asse trasversale, una mediazione pedagogica che consente di appropriarsi della realtà con la sua applicazione in uno dei suoi approcci metodologici; A seconda della natura del problema per indagare e i processi di maturazione intellettuale dello studente, da qui la loro concomitanza con le fasi dello sviluppo del pensiero. L’azione investigativa è contestualizzata nello sviluppo dei componenti di formazione e dello sviluppo di competenze comunicative relative alla comprensione e alla produzione di testi, con l’apprensione degli oggetti della conoscenza. Da questo spazio è possibile dedurre linee, progetti o progetti di ricerca macro e formare collettivi di ricerca interdisciplinare, dove insegnanti, studenti, genitori e comunità vengono convergenti quando necessario. Questo processo viene effettuato dalle prime fasi della scuola ed è rafforzata e complessa nella spirale dello sviluppo integrale dello studente.

quattro. Proiezione sociale

A questo proposito, la legittimazione della funzione sociale del curriculum è evidente in ciò che ha a che fare con la trasformazione individuale e sociale e per questo, squadre cooperative interdisciplinari, diventano un programma pedagogico specifico, dove il Componente specifica della formazione con ricerca e azione è combinata in alcuni contesti sociali e istituzionali, finendo l’attivismo e gli abusi nelle comunità per ottenere informazioni che richiedono agli studenti e agli insegnanti nello sviluppo dei loro impegni accademici. Nell’educazione di base e dei media, la formazione di questi team cooperativi interdisciplinari può essere convertita in “grandi piantine di ricerca”, consentendo lo sviluppo dell’apprendimento autonomo e significativo.

+ Leggi: l’importanza del design curriculare nel Istituzione educativa

cinque. Studenti

ad
banner_web_rim_digital.Jpg

è una categoria fondamentale in un curriculum di questa natura, cerca di dignificare la dimensione umana nel processo formativo integrale; Ecco perché categorie come la soggettività, intersoggettività, personalità, coscienza, processi psichici, affettività, motivazioni, emozioni, progetto di vita e valori sono stati collocati al centro degli interessi del curriculum.

sei . Insegnanti

Categoria di grande significato nel curriculum, quindi le sue implicazioni sono simili a quelle precedenti. Tra le politiche istituzionali, è necessario specificare un programma specifico di formazione permanente dell’insegnante, in diversi modi: da un lato, soddisfare i requisiti di un aggiornamento permanente attraverso varie attività che rispondono alle esigenze precedentemente identificate; E d’altra parte, spostarsi verso lo sviluppo di una politica di formazione degli insegnanti di alto livello nei maestri e nei dottorati. Altrimenti, un curriculum di questa natura sarebbe molto difficile prenderlo in pratica.

sette. Laureati

Questa è una categoria che merita un processo di ricavazione se viene presa in considerazione che le istituzioni educative si uniscono alle promozioni “graduate” a cui sono pagate poco o nessuna attenzione. Nel curriculum dialogico, sistemico e interdisciplinare , il laureato non sarà più il “che esce” “che ha terminato la sua scuola elementare, il baccalaureato o una certa carriera universitaria.” Al contrario, è una parte sostanziale delle dinamiche e la sua partecipazione attiva e democratica nella costruzione e lo sviluppo curriculare ha un’importanza significativa, la sua esecuzione rappresenta parzialmente la validità e l’affidabilità dei processi pedagogici effettuati nelle istituzioni educative. Pertanto, il curriculum contempla l’attuazione di programmi specifici di monitoraggio, partecipazione e sviluppo del laurea, in ordine rafforzare il senso di appartenenza e impegno sociale dell’istituzione. e Ste Conglomerate è costituito un’opportunità per sviluppare programmi di formazione permanente, ricerca e proiezione sociale.

Otto. Genitori di famiglia e madri

Nel curriculum è di singolare importanza considerare questa categoria, poiché le soggettività di loro hanno molto a che fare con le determinazioni e le azioni dei processi di formazione degli studenti; Pertanto, l’istituzione educativa non dovrebbe continuare a sviluppare il suo atto pedagogico al di fuori della relazione dialogica della scuola di famiglia, se si desidera coltivare la relazione tra i fattori soggettivi e gli obiettivi dello studente nel suo contesto sociale e familiare e avanzare in formazione completa. La famiglia è una parte attiva e democratica del lavoro pedagogico istituzionale e la sua responsabilità storica nella formazione completa dei loro figli e figlie, non dovrebbe essere diluito nella piccola stampa dei regolamenti spesso raccolti dalle istituzioni educative. Concienza a questa responsabilità, l’istituzione organizzerà uno specifico programma di sviluppo familiare, basato sugli accordi delle tabelle di lavoro del seminario di ricerca svolte per questo scopo. La concezione delle tabelle di lavoro come una strategia che consente la partecipazione cooperativa e la mediazione concordata per quanto riguarda le questioni inerenti alla formazione integrale degli studenti, dovrebbe essere compresa con grande responsabilità. È un lavoro permanente e sistematico i cui risultati dovrebbero essere socializzati e rafforzati attraverso la triangolazione con gli altri processi.

+ Conosci il libro Nuovi fondamentali per la trasformazione curriculare

Titolo preso dal libro: Dialogica del curriculum e sistemica Autore: Cecilia Correa. pp. 236-239

Preso da Freepik

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *