Perché il mio bambino piange e cosa posso fare per calmarlo?

Quando una coppia ha il loro primo bambino sono chiari che dicono che i bambini mangiano, dormono e anche piangono. Sanno che i bambini lo fanno, perché lo hanno fatto per sempre, per sempre, e sanno che devono fare qualcosa per farli smettere di farlo.

Il fatto che piangere è una caratteristica di bambini suggerisce che la risposta a piangere è universale, quindi se ha così tante millenni che è conosciuta, sarà stata data con la soluzione. Tuttavia, davanti a un bambino che piange, i genitori possono ricevere diversi consigli, ed è per questo che oggi spiegheremo cosa fare quando il bambino piange.

beh, lascialo piangere

per diversi decenni, e anche ora, molte nonne e nonni e molti esperti teorici hanno raccomandato di piangere i bambini. Non è raccomandato che i bambini piangono, è raccomandato che non li prendano tra le loro braccia in modo da non abituarsi e chiari, nel momento in cui ogni padre ha più desiderio di prenderli è quando piangono , per calmarli. Come non riesci a prenderlo tra le tue braccia perché, dicono, allora non sanno come essere soli, si rendono dipendenti e devi prenderli tra le mie braccia finché non so quanti anni, i bambini finiscono per piangere Un buon tempo fino alla fine, stanco di piangere, sono silenziosi e si addormentano.

Tuttavia, e anche se è ancora detto, non è raccomandato. Non è sano per un bambino e meno se è un bambino, camminando piangendo perché i tuoi genitori non vogliono portarti perché qualcuno ha detto loro che non è buono. Non aiuta ad allargare i polmoni, non li rende più indipendenti (se finiscono per imparare a non lamentarsi, perché se non ricevono ciò che chiedono, perché per trascorrere così tanta energia), non lo fa più forte parlando psicologicamente o prepararli per qualsiasi futuro. Non causa nemmeno che non si abituano alle braccia, perché nel bisogno di armi provengono da serie.

o piangere o vedere come comunica

il pianto ha Una funzione molto chiara: lascia che i genitori sanno che qualcosa fallisce. È il suo modo di dire che sono affamati, che sono assonnati, che sono freddi o caldi, che sono sopraffatti o che hanno bisogno di affetto e affetto. L’unico modo per esprimere tutto ciò è attraverso il pianto, e tutto questo sono cose più o meno fastidiose per il bambino, i bisogni fondamentali, che dobbiamo risolvere di nuovo a proprio agio.

Non è qualcosa di razionale, il Il bambino non sta pensando “Ho freddo, piangerò per farmi coprire”, si sente freddo, nota che è spiacevole e grida. Non sono pensieri, sono sensazioni, proprio come la fame, che lo sporge molto ed è per questo che piange. E il pianto è tagliente e sgradevole, ritmico e fastidioso, in modo che i genitori ci infastidiscono abbastanza da cercare cosa fare per farlo smettere di smettere di piangere.

I genitori sanno perché piange?

Baby Pyming 2

Ci sono vasi tecnologici che ci dicono perché il bambino piange, le applicazioni mobili con la stessa funzione, Fino a lunghi capitoli di libri che ci dicono come piange in base a ciò di cui hanno bisogno in ogni momento. Tutti coloro che cercano le informazioni che la maggior parte dei bisogni e lo fa sentire più calmo, ma non mi sono mai preoccupato di sapere perché piange, ma semplicemente per farlo smettere di farlo, e curiosamente le sue braccia e il petto (e non da questo ordine, ma È che non ho il seno) sono sempre stata una magnifica soluzione.

Inizio, la maggior parte dei pianto dovrebbe essere affamata o qualcosa che succhia il seno calmo (freddo o bisogno di affetto). Quindi il più logico, quando un bambino piange, è offrire il petto (lo dicono già, su richiesta). Se lo prende e rimane che lo sucking era quello, la fame. Se petto un po ‘e stai calmo tra le braccia della mamma potrebbe essere affamato, ma devi anche stare con la mamma per sentirsi al sicuro, o freddo e tra le sue braccia è caldo.

Se invece al seno un po’ un po ‘ Mentre poi continua a piangere, dobbiamo pensare che la causa del pianto possa essere un altro (potrebbe anche essere affamato e che c’è un problema al lattamento, come una cattiva presa, e che il bambino non sta mangiando abbastanza, ma iniziamo da la base che il bambino si ingrassa in modo normale). Quindi dobbiamo valutare che hai il pannolino pulito (anche se dicono che i bambini non piangono per avere la cacca sul pannolino), che è ad una bella temperatura, né il freddo né il calore e ciò di cui hai bisogno è dormire.

Io direi che, dopo la fame, la seconda ragione più frequente è il sonno e il bisogno di sentirsi al sicuro, sicuro, tra le loro braccia.

Quindi, posso prenderlo tra le tue braccia?

Certo, tutte le volte che vuoi. In effetti, se vuoi, puoi persino averlo sempre tra le tue braccia.Quando un bambino è sempre tra le sue braccia, o vicino alla mamma catturata con un fazzoletto o una sciarpa, come africana o come madri che fanno il metodo della Madre Kangaroo, hanno molti motivi per piangere e a malapena lamentarsi più che mangiare e poco più .

Il soggetto è che, nello stesso modo in cui gli altri adulti amiamo possiamo dare loro tanti abbracci e baci mentre ci chiedono, i bambini possono anche dargli quante più braccia e baci di cui hanno bisogno. Infatti, la stessa American Academy of Pediatrics lo consiglia:

Durante i primi mesi, rispondere prontamente al pianto del bambino. Non è possibile coinvolgere un piccolo bambino prestando attenzione.

Ed è un peccato che devi spiegarlo con parole, che devi fare razionale qualcosa come istintivo Come cattura un bambino che piange, ma come qualcuno è riuscito a convincere tutti che dovremmo combattere contro istinti, sostenendo che era negativo, ora dobbiamo spiegare il contrario, che l’istinto di protezione, quello che ci fa funzionare per catturare il nostro bambino Chi piange, è corretto.

Quindi se un bambino piange e non vuole mangiare, possiamo (dobbiamo) portarlo tra le nostre braccia e rock, cantare, parlando con lui, avvolgerlo in a Mantjita si siederà certo, se necessario, camminare, accarezzarlo, baciarlo, … con questo la stragrande maggioranza dei bambini si calma. Solo pochi continueranno a piangere, e poi dovrai guardare se puoi avere un certo problema fisico, come la sindrome del blowhole per capelli o capelli o valutare la possibilità che tu abbia bisogno di essere solo. I miei figli non mi hanno mai chiesto, ma ci sono genitori che si riferiscono che i loro figli calmati prima quando sono soli quando sono abbracciati, catturati e accompagnati.

Quelle grida della sera e la notte

baby pianw 3

it Si dice che quando i bambini piangono nei pomeriggi, intorno al sei e avanti per un po ‘, un grido che non può essere calmato con il petto, né con le braccia, né con la musica, né con il rumore bianco, né con niente, è Perché hanno colica, cioè, dolore alla pancia. Non dico che è una bugia, perché fino al momento verrà quando i bambini parlano e dicono “Dio, che dolore della pancia”, nessuno può affermare che non è vero o che lo sia, ma non ha molto senso È dolore addominale se poi di notte, o al mattino, non lamentarlo. Perché dico che se un bambino fa male l’intestino perché è immaturo lo farà anche in altri tempi, giusto?

L’altra spiegazione è quella di “qui sono arrivato”, che mi piace più. I bambini non sono più nella pancia, sono fuori, vivono nuove sensazioni sotto forma di odori, luci, ombre, rumori, braccia sconosciute, nuove voci, momenti di sonno e momenti di veglia, nuove sensazioni tattili, ecc. Tutto ciò può farlo nel pomeriggio, quando hanno già vissuto molte di queste cose per diverse ore, i loro cervelli piccoli e immaturi sono saturi e dicono che “qui”, e che scaricano tutto quel piangere schiacciante.

Forse ho anche sbagliato, ma penso che sia una spiegazione più plausibile perché quando viene detto alle madri e ai genitori che cercano di prevenire quel momento, ovviando il passeggino (dove i bambini possono sentirsi soli e a disagio, anche quando non lo fanno Cry), provando che il bambino non vada fuori dalle braccia tra le sue braccia (ci sarà tempo per la famiglia e gli amici, e inoltre, non dicono che è male prenderlo?), Evitando rumori inutili, ecc., Sembra che i bambini siano più silenziosi e nel pomeriggio piangono meno.

In ogni caso, qualunque sia la causa, e chiamarla come lo chiamiamo, perché ora non è più detto, ma un grido incontrollabile di Il bambino, ogni padre e la madre sapendo che prima o poi smetteranno di accadere. Il bambino smetterà di fare quegli episodi di piangere e la ragione sarà che è maturato, che il suo cervello o il suo stomaco e l’intestino sono maturati e ora non si preoccupano o è più capace di adattarsi all’ambiente che vive.

e se non sopporto che piango così tanto?

A volte succede, ci sono genitori con pochissima pazienza che non può sopportare del loro figlio grida e piange, e persino meno quando vedono che vedono tutto il possibile calmandoli e non lo capiscono. Se arrivi al punto che stai per perdere la ragione, lascia il bambino con un’altra persona. Quanto ci supportiamo, la nostra modalità razionale è bloccata ed entra nella modalità automatica, chiamata anche un cervello rettiliano, che attiva il volo e la modalità di combattimento.

Non scappiamo, perché non possiamo scappare, perché continuiamo con il nostro bambino tra le mie braccia, ma prepariamo per la lotta. Il cuore è accelerato, l’adrenalina segregata, il corpo è teso e solo l’improvviso aumento di combattimenti energetici contro ciò che ci disturba.Non combattiamo con il bambino, ma corriamo il rischio di scuoterlo o scuotendolo mentre gridiamo che si spegnevano una volta. Questo è pericoloso, perché la forza con cui possiamo agitare un bambino è così che possiamo causare gravi danni cerebrali.

Per questo motivo, come dico, se riteniamo che questo momento stia per arrivare, o diamo al bambino a qualcuno o, se siamo soli, l’abbiamo lasciata da sola in un posto sicuro e ci muoviamo lontano da lui. Vale la pena di più che piangere da solo mentre urliamo al sole che non quello per non lasciar andare, mettiamo la tua vita in pericolo.

E se ciò accade allora, di giorno, al momento in cui siamo calmi con il bambino, cerchiamo di condividere il tempo insieme, il tempo di tranquillità, comprensione e amore, per stabilire collegamenti con lui, per sapere Sei nei bei tempi, per cercare di razionalizzare quei momenti in cui perdiamo la pazienza e capiamo perché piangono. Quando siamo chiari che lo fanno perché soffrono, e non si infastidiscono e quando siamo chiari che ciò che chiedono è l’aiuto, è più facile condividere quelle ore difficili con loro. E soprattutto, dobbiamo sapere, come ho detto, che con il tempo passa.

Foto | Jon Collier, Pedro Klien, Tatiana VDB su flickren Bambini e altro | Il pianto eccessivo nell’infanzia potrebbe derivare in problemi comportamentali, quali effetti fisici hai piangendo nei bambini? Perché i bambini calmano quando li prendi in armi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *