PRESA DE MARIB (Italiano)

Le recenti campagne archeologiche hanno suggerito che già nel 2000 a. C. C’erano semplici schizzi di dighe costruite con terra e una rete di canali. La grande preda risale verso l’8 ° secolo. C. ed è considerato la preda più antica del mondo.

La grande diga di Marib, chiamata anche ‘ARIM (سد العرم, Sadd al-ˁArim) si trova a monte dell’antica città di Marib, antica Capitale del Regno di Saba. Questo regno ha basato la sua ricchezza, soprattutto, nella coltivazione e il commercio di spezie e profumi, tra cui incenso e mirra. Con i sistemi di irrigazione basati su canali e prede che hanno mantenuto le piove periodiche dei monsoni che sono cadute vicino alle montagne vicine, hanno gestito una grande produttività nelle loro foreste e agricoltura.

Destruzione finale del prigioniero

Anche se durante la sua storia si è verificato, con più o meno fortuna, il lavoro di manutenzione nella preda, c’erano numerosi fallimenti, in particolare quelli del 449, 450, 542 e 548. L’ultima rottura, che ha prodotto la sua chiusura finale era di circa 570 o 575. Le leggende locali raccontano che la sua fine era stata prevista da un re chiamato “ImRān, che era anche fortune-Teller, e in seguito dalla moglie del re. In leggenda, la rottura fu causata da grandi ratti che ruggise con i loro denti e graffiarono i loro artigli. L’evento della distruzione della diga di Marib era un evento storico, che è indicato nel Corano:

“era nel luogo in cui la tribù di Saba è morta, due giardini a destra e uno a sinistra.: ‘come composto delle disposizioni del tuo Signore e grazie. Hai una buona terra, e un uomo che perdona. Ma hanno rifiutato, quindi mandiamo loro l’alluvione della preda, e abbiamo sostituito i suoi due giardini con giardini amari, i tamerici e un po ‘di zucchero ( Sidrat al-Muntha). “

Questo episodio funge da avvertimento per le persone che cercano di lasciare la strada dritta, lontano dalla convinzione in un Dio, Allah. Secondo la tradizione araba, l’inondazione e la conseguente rovina del sistema di irrigazione comporterebbe l’abbandono delle terre agricole e l’emigrazione della maggioranza degli abitanti del zona. Infatti, gli storici arabi attribuiscono a questa catastrofe la dispersione fino a 50.000 abitanti delle tribù arabe e la loro ridistribuzione nella penisola arabica e nell’area siriana-irachena.

Il bombardamento del 2015edit

A giugno 2015, il sito archeologico che contiene i resti della diga è stato colpito duramente dai bombardamenti aerei delle forze armate saudite che hanno partecipato a sostegno delle forze leali al presidente del Yemeni Abd Rabbih Mansur Hadi contro i ribelli di Chite Houthi. Secondo gli archeologi dell’istituto archeologico tedesco, lo sciopero dell’aria avrebbe colpito, alla chiusura del Nord, fino ad ora il meglio conservato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *