Trova un uomo che vive in un’area di sicurezza dell’aeroporto di Chicago per “paura di Covidid”


O’Hare Aeroporto internazionale
Immagine: Archivio fotografico GPA / CC di 2.0 (altro)

La polizia ha fermato un uomo californiano che aveva paura di volare a causa di Covid-19. Apparentemente, questa era la ragione per cui lo ha portato a nascondersi nella zona sicura di un terminale per quasi tre mesi. L’uomo aveva le credenziali perdute di un lavoratore aeroportuale.

pubblicità

Secondo la sicurezza dell’aeroporto , sopravvissuto “in gran parte perché altri passeggeri gli diede cibo”.

Apparentemente, Adità Singh, 36, arrivata al Terminal 2 dell’aeroporto di O’Hare su un volo dagli angeli il 19 ottobre. Presumibilmente , ha vissuto all’interno della zona di sicurezza dell’aeroporto da allora.

G / O Media può ottenere una commissione

advertisement

lo scorso sabato mattina, due impiegati Stati Uniti d’Airlines hanno trovato Singh nell’area delimitata e gli hanno chiesto di vedere la sua identificazione del lavoro. Singh ha abbassato la maschera di Covidi e li ha mostrati un’identificazione dell’aeroporto che aveva intorno al collo.

Tuttavia, l’identificazione è stata segnalata come rubata da un gestore di operazioni dell’aeroporto su 26 OCE Youbre, situazione che ha portato la polizia a smettere di Singh. In effetti, l’uomo ha ammesso di aver trovato le credenziali nel Terminal 3 e ha spiegato che aveva paura di volare a casa a causa del Covid.

/ div>

Secondo il vostro avvocato di difesa, Singh, che non ha un disco penale, vive nel sobborgo di Orange, in California, a Los Angeles. Da parte sua, i pubblici ministeri lo hanno accusato di un grave reato di dimora crescendo in un’area ristretta di un aeroporto e di un rapino minore.

Nel frattempo, il Dipartimento di Aviazione di Chicago (CDA) ha lanciato una dichiarazione che spiega che, “sebbene questo incidente rimesisca sotto inchiesta, siamo stati in grado di determinare che questo gentiluomo non rappresentava un rischio per la sicurezza per l’aeroporto o per il viaggiatore. Continueremo a lavorare con i nostri partner incaricati di far rispettare la legge in un esauriente Indagine su questo argomento “.

pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *